L’opera di Toniolo ha qualcosa di sorprendente: se da un lato affonda le proprie radici nel “fango” dell’esistenza umana, dall’altro si eleva verso orizzonti di sublime bellezza e rapimento sensuale, quasi a citazione di una celebre frase di Dostoevskij:

 

“La bellezza salverà il mondo”


 

Quattro temi permeano l'opera di Ennio Toniolo: 

 

Questi temi possiedono una loro dinamica che si riflette nel percorso spirituale dell’artista e che possiamo osservare nell’evoluzione tematica delle sue opere:

 

1956-1978, primo e quarto tema

Due temi sono presenti durante questo lungo periodo della produzione artistica di Toniolo: l’abbandono contemplativo e la condizione esistenziale di solitudine e sofferenza dell’essere umano , entrambi espressi attraverso la sobrietà dei colori e delle forme. Grigi, marroni, tinte scure, così come forme da contorni essenziali, massicce, arrotondate o quasi cubiste, sono caratteristici delle opere di questo periodo. 

 

1975-1986, primo tema e nascita del secondo tema

La condizione esistenziale dell’essere umano non viene vissuta con distacco, bensì con dolorosa partecipazione. Durante questo periodo lampi di colore squarciano le tele di Toniolo illuminandone i visi sofferenti, folli, emaciati , così come i corpi disfatti dal tempo o gli affilati paesaggi rocciosi .

L’energia si manifesta qui come violenta reazione alla vacuità dell’esistenza umana.

 

1985-1993, sviluppo del secondo tema

Successivamente l’energia cessa di avere funzione di supporto e si sviluppa come tema autonomo: simile ad un fiume in piena, essa inonda le tele di vividi colori e forme astratte in rapido movimento, trascinando l’osservatore verso nuove dimensioni al confine fra sogno e realtà . Le “tempere musicali” segnano sia l’inizio di questo periodo che di quello seguente.

 

1985-2000, terzo tema

L’energia si struttura in forme simmetriche e in movimenti ritmici, inducendo nell’osservatore un senso di divertita meraviglia: dall’energia prende forma il tema del gioco (espresso ad esempio nei quadri con specchi ), tema che influenzerà la produzione artistica di Toniolo per un lungo periodo, soprattutto a livello scultoreo .

 

1993-Presente, ritorno al quarto tema

Durante l’ultimo periodo il movimento si placa, le tinte rinunciano alla forza del colore puro per assumere toni più delicati. Toniolo torna al figurativo ed al tema dell’abbandono contemplativo, espresso qui non più in forma “ascetica”, bensì gioiosa e sensuale .

 


N.B. l'utilizzo a fini commerciali delle immagini di questo sito è permesso solo previa autorizzazione. L'ultilizzo privato è permesso, ma ogni immagine che intendete usare dovrà essere accompagnata dalla scritta “Autore: Ennio Toniolo”, posta in prossimità dell'immagine e chiaramente leggibile. Per ulteriori informazioni: info@artennio.com